Chi mi conosce sa quanto detesti la canzone neomelodica e quanto, di contro, apprezzi la bella musica napoletana di qualità a partire dai super classici fino al grande Pino Daniele.

È per questo che voglio parlarvi di Andrea Sannino, non l’ennesimo cantante neomelodico, anzi un raffinato interprete di tutta la poesia che può esprimere la musica partenopea. Andrea Sannino è un talento affermato del musical, in quanto ottimo attore e cantante, ha collaborato per anni con Lucio Dalla ed ha calcato le tavole del palcoscenico con Sal Da Vinci (nel fortunatissimo “Scugnizzi”) e con Alessandro Siani. Ma la musica per lui ha sempre il primo posto, lui è il portabandiera di quella nuova generazione di artisti che, scansando con cautela il genere neomelodico, si propone di continuare la grande tradizione della musica partenopea. Come ha spesso confermato:

Alcuni artisti, considerati “neomelodici”, hanno fatto decisamente più male che bene alla musica napoletana: tre accordi copiati con dei testi che sono letteralmente degli scempi. E’ un vero guaio: ormai se canti in napoletano le persone riconoscono solo la musica neomelodica e per me che ascolto gente come Enzo Avitabile e Edoardo De Crescenzo su tutti è una cosa assurda!

L’ariete con cui cerca di sfondare gli animi arroccati nel pregiudizio “napoletano = neomelodico” è “Abbracciame”, un brano poetico ma moderno, essenziale ma appassionato sia nella musica che nel testo.

La prima richiama la musica napoletana di una volta, volutamente essenziale negli arrangiamenti ma, al contempo, di grande atmosfera; una melodia vera e pura, un preciso sentimento dell’acustico che colloca questo brano in quel paradiso nascosto di una Napoli moderna, chiusa però tra un pop eccessivo ed un rap giocoforza poco melodico.

Per quanto riguarda il testo, si parla di un ritorno, ma secondo me potrebbe calzare benissimo anche su un primo incontro tra due innamorati. Lo si fa con un linguaggio molto semplice e diretto, riuscendo a dire in due strofe tutto ciò che c’è da dire. In questo la lingua napoletana gioca un ruolo fondamentale, un idioma musicale e d’impatto come nessuno al mondo.

Un po’ di imbarazzo iniziale rotto dalla semplice e bellissima realtà: “…mi sono innamorato di te, sono pazzo di te…”. Lei si lascia scappare un sorriso, si avvicina e lo bacia…”e allora si, abbracciami più forte”! L’amore più bello arriva quando non te lo aspetti e ci pensi due volte prima di dire quelle due paroline magiche…”e allora si, abbracciami stanotte” perché domani tutto questo sarà già finito. Ora vuoi dimenticare quando la sognavi, ti svegliavi ma lei non c’era, o quando credevi di essere felice ma ti sbagliavi. Ora lo sai, perché ora lei c’è.

Ascoltatela con il cuore, leggete il testo e poi dedicatela ad una persona speciale, come voglio fare io con questo articolo❤️

Finalmente stasera sto ‘ccà nzieme a te,
e nisciune po’ sentere
So’ nù poco scurnuse e ‘sti ccose tu ossaje,
nun sò buono a le ‘ffa’
chi nun tene curaggio ‘int à vita,
nù suonne ò po’ sulo perdere
e pirciò si stai ‘ccà l”e capite,
ca o’ suonne mio si tu
me song nammurate e te,
so’ pazzo ‘e te, so’ pazzo ‘e te!
stai redenno e te fai ‘cchiù vicino,
me vase primmo tu…
e allora si, abbracciame cchiù forte,
pecchè po’ chi se ne fotte
si tutto ‘o tiempo ca è passato è tiempo perzo
o si dimane nun esiste niente cchiù
abbraccieme stanotte, nun me voglio arricurdà
e tutte ‘e vote ca t’aggie sunnate,
ca me scetave ma nun stive ‘ccà
Quanti cose se pensano a vote primm’ ‘e putè di,
te voglio bene
ce fa’ quasi paura a’penza
ca te può ‘nnammura,
accussi dint’ a’ n’attimo
comm è bell a’cantà na canzone pe’ tte,
mentre ‘e mane se cercano
e si sbaglio ‘e parole nun succede niente,
te guarde, e e’torno a ‘nventà
me songo nammurate e te, so’ pazzo ‘e te,
so’ pazzo ‘e te!
stai rerenno e te fai ‘cchiù vicino,
me vase primmo tu …
e allora si, abbracciame cchiù forte,
pecchè po’ chi se ne fotte
si tutto ‘o tiempo ca è passato è tiempo perzo
o si dimane nun esiste niente cchiù
abbraccieme stanotte,
nun me voglio arricurdà
e tutte ‘e vote ca t’aggie sunnate,
ca me scetave ma nun stive ‘ccà
…… abbraccieme stanotte,
nun me voglio arricurdà
e tutte ‘e vote ca me so sbagliate,
quanne parlavo dà felicità .
Finalmente stasera sto qua insieme a me
e nessuno può sentire
Ho un po’ di vergogna e queste cose tu le sai,
non sono capace a farle
chi non ha coraggio nella vita
un sogno lo può solo perdere
e perciò se stai qua l’hai capito
che il sogno mio sei tu
mi sono innamorato di te
sono pazzo di te, sono pazzo di te!
stai ridendo e ti fai più vicino
ma baciami prima tu
e allora si, abbracciami più forte,
perché poi chi se ne importa
se tutto il tempo che è passato è tempo perso
o se domani non esiste niente più
abbracciami stanotte, non voglio ricordarmi
di tutte le volte che ti ho sognato
che mi svegliavo ma non stavi qua
quante cose si pensano a volte prima di poter dire
ti voglio bene
ci fa quasi paura a pensare
che ti puoi innamorare
così in un attimo
come è bello a cantare una canzone per te,
mentre le mani si cercano
e se sbaglio le parole non succede niente
ti guardo, e torno ad inventarle
mi sono innamorato di te, sono pazzo di te,
sono pazzo di te!
stai ridendo e ti fai più vicino
mi baci prima tu
e allora si, abbracciami più forte,
perché poi chi se ne importa
se tutto il tempo che è passato è tempo perso
o se domani non esiste niente più
abbracciami stanotte,
non mi voglio ricordare
di tutte le volte che ti ho sognato
che mi svegliavo ma non stavi qua
abbracciami stanotte
non mi voglio ricordare
di tu le volte che mi sono sbagliato
quando parlavo della felicità